Dott.ssa Veronica Galassi

“… Eppure non c’è niente di più fondamentale, nel divenire umano, degli imprevisti mentali. L’imprevisto mentale è polvere entrata per caso nell’ostrica del cervello (…) Improvvisamente la sostanza molle che vive nel cuore del cranio è turbata, sconvolta, minacciata da questo corpo estraneo che si è infiltrato; l’ostrica, che viveva in pace, fa scattare l’allarme e cerca di correre ai ripari. Inventa allora una sostanza meravigliosa, la madre perla, e ne riveste la particella intrusa per incorporarla. Crea così la perla.”

A. Nothomb, Metafisica dei tubi.

 

 

 

Veronica Galassi - psicologo e psicoterapeuta | PRENOTA ONLINE | Dottori.it


Psicologa, psicoterapeuta ad indirizzo psicoanalitico lacaniano.

Ordine Nazionale degli Psicologi n.14861

 

Mi sono laureata in Psicologia clinica nel 2010 presso l'Università Cattolica di Milano, presentando una tesi in Teoria e tecniche del colloquio relazionale (relatrice Chiar.ma Prof.ssa Maiocchi), dal titolo: "Psicoanalisi ed educazione: dalla famiglia edipica alla proposta della Maison Verte".

Nel 2017 ho conseguito la specializzazione in Psicoterapia presso l'Istituto per la Clinica dei Legami Sociali di Milano.

Durante il periodo della specializzazione, ho svolto attività di tirocinio presso il Centro Sant’Ambrogio di riabilitazione psichiatrica e psicorganicità (Ordine ospedaliero San Giovanni di Dio Fatebenefratelli c/o CPA Residenza Le Villette di Cernusco sul Naviglio) e presso la tutela minori del Comune di Novate Milanese.

Attualmente svolgo attività privata presso due Studi a Milano e lavoro come Coordinatrice e psicoterapeuta presso lo Spazio consulenze "Astrolabio" di Koiné Coop Soc. Onlus a Novate Milanese. Inoltre svolgo attività di Cultore della materia per gli insegnamenti di Psicologia dinamica e Teorie e tecniche del colloquio relazionale presso l'Università Cattolica di Milano.

Offro consulenze psicologiche e psicoterapia ad indirizzo psicoanalitico. Dato il mio approccio, e l’esperienza sviluppata nei contesti formativi ed educativi con genitori e bambini, anche molto piccoli, mi occupo del lavoro con minori, famiglie e consulenze genitoriali. Inoltre lavoro con adulti e coppie. Ricevo su appuntamento.

Specializzazioni

“Non si entra in analisi, lavoro molto lungo, per trovare la propria verità, per semplice curiosità di se stessi, ma perché si è angosciati, si soffre e questa sofferenza riesce a esprimersi, a trapelare attraverso le attività e i rapporti che si stabiliscono con gli altri.“

F. Dolto, Come allevare un bambino felice e farne un adulto maturo




 

Clinica dell’infanzia

La logica della cura del bambino oggi è una tematica complessa che porta con sé posizioni discordanti, mode e pensieri derivanti dalle varie professionalità che si affacciano sulla scena. Vediamo proclami sui diritti dei bambini, sulle migliori strategie per sostenerne lo sviluppo, per rinforzare e permettere loro una buona crescita. Ma cos’è un bambino? In che modo una formazione orientata dalla psicoanalisi può fornire degli strumenti di lavoro nel contesto infantile?

Prima di tutto penso sia fondamentale la concezione di bambino come soggetto in divenire che, per crescere, deve affrontare prove difficili e rischiose: è dunque necessario non riversare su di lui le nostre proiezioni, evitare di soffocarlo di attenzioni superflue, interventi inutili, moralismi colpevolizzanti poiché -come dice Dolto- la vita stessa è una grande educatrice.Educare un bambino vuol dire trattarlo da essere umano, significa condurlo a sviluppare i suoi dinamismi, aiutarlo a sentirsi un essere umano a pieno titolo tra altri esseri umani.

Necessario in questo percorso è un supporto orientato nei momenti di crisi e di passaggio della coppia genitoriale e, qualora fosse necessario, garantire un momento protetto di ascolto ed elaborazione per gli bambini.



Clinica dell’adolescenza

L’adolescenza è una fase del ciclo di vita molto delicata, in cui il soggetto cerca di strutturare una sua identità, non totalmente legata al giudizio dei genitori.

Il ragazzo si trova, non più protetto e garantito dal senso di appartenenza familiare, a ricercare la sua identità attraverso lo scambio con il gruppo di pari.

In questo processo di cambiamento, nel corso del quale sarà spesso disorientato e confuso, cercherà di sperimentare sé stesso al di là del recinto della sicurezza infantile.

Questo pone, da un lato, l’esigenza di supportare i genitori nella strutturazione di una personale modalità educativa, non legata ad un ideale di crescita o di genitorialità e, dall’altro, uno spazio di confronto ed elaborazione per i ragazzi che si trovano ad affrontare questo delicato percorso con i rischi e le difficoltà che spesso porta con sè.



Clinica dell’adulto

Perché chiedere l’aiuto di uno psicoanalista?

La psicoanalisi ha come mira rilevare il sintomo del soggetto, restituirgli la sua soggettività. Essa permette una vivibilità che si fonda su un cambiamento nella dimensione soggettiva, nella posizione del soggetto.

Cosa accade quando un soggetto incontra un analista? Perché ne sente la necessità?

C’è qualcosa che non è più come prima, una specie di vacillazione, qualcosa nel soggetto non corrisponde più a ciò che credeva di essere. Lo psicoanalista offre uno spazio di parola al soggetto, un luogo in cui potersi ri-orientare, modificando così qualcosa della sua posizione e dei suoi legami.

F.A.Q.

"L'arte di ascoltare equivale quasi a quella di ben dire."

J. Lacan, Il seminario, libro XI, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi





Quale differenza tra psichiatra, psicologo, psicoterapeuta e psicoanalista?



Nell’esperienza lavorativa ho più volte incontrato una grande confusione rispetto ai diversi professionisti che si occupano della sfera psichica. Risulta di fondamentale importanza conoscere quali siano le aree di intervento di ognuno e, di conseguenza, in cosa divergono i diversi apporti.

Lo psichiatra, laureato in Medicina e Chirurgia, si occupa dei disturbi mentali, ponendo il focus sul lato biologico/corporeo. Questo comporta una presa in carico di tipo medico, spesso –ma non solo- con prescrizione di farmaci generici e psicofarmaci.

Lo psicologo, laureato in Psicologia, si interessa, invece, delle dinamiche intrapsichiche/relazionali, con attenzione agli aspetti emotivi e cognitivi del sintomo.

Lo psicoterapeuta, che sia laureato in psicologia o medicina, ha conseguito un diploma di specializzazione in psicoterapia, ed è il professionista indicato nella cura e nel trattamento dei disturbi psicopatologici; i suoi principali strumenti di lavoro sono il colloquio clinico e la relazione terapeutica.

Nel mio caso, la mia specializzazione è ad indirizzo psicoanalitico lacaniano, ovvero, orientata dall’insegnamento dello psichiatra e psicoanalista francese Jacques Lacan (1901-1981).



Orientamento teorico

Il mio orientamento riconosce la centralità della relazione e dei legami come prospettiva irrinunciabile per il reale benessere della persona: ogni dramma soggettivo, infatti, trova la sua ragione ma anche la sua risorsa nel legame.

Gli strumenti di lettura offerti dalla psicoanalisi consentono applicazioni ai diversi ambiti di intervento richiesti dalla clinica contemporanea e si mostrano particolarmente adatti a fornire anche al soggetto la possibilità di ri-orientarsi, e ri-decidere per legami sociali vivibili, responsabili. Il ruolo del professionista è quello di offrire uno spazio di parola, rielaborazione, soggettivazione, secondo le diverse esigenze dei contesti di intervento.

 

Dove ricevo

STUDIO PRIVATO

Via Settembrini 17, Milano
(citofono FPL-ICLeS) 

Raggiungibile con: MM2 Centrale / Caiazzo  -  MM1 Lima
Tram 1 / 33 / 5
Autobus 60 / 81



STUDIO PRIVATO


Via Console Marcello 18/4, Milano

Raggiungibile con : Passante Ferroviario, fermata Villapizzone
Tram 1 / 12

Autobus 57




Centro Polifunzionale Astrolabio

Via Marie Curie 10/B, Novate Milanese

Raggiungibile con: 
Treno, stazione Novate Milanese

 

Contattami